Antonio Falcone

Antonio Falcone era alla ricerca di un metodo che lo aiutasse a gestire meglio l’ansia e lo stress psico-fisico. Aveva sentito parlare dello yoga come di una disciplina che lo potesse aiutare. In una di quelle coincidenze, mai casuali, un suo amico gli offre un buono prova per una lezione gratuita.

Alla fine della sua prima lezione Antonio si disse “Mi è piaciuta tantissimo, diventare insegnante yoga per me sarebbe il massimo”.

Così iniziò il percorso che lo portò a conoscere il suo primo maestro. Infatti, nel 1980 incontra Lakshmi (Lucia Garlaschi) insegnante di Hatha e Raja Yoga: la seguirà per sette anni. Dopo il primo anno di “apprendistato” si reca con lei in India, nell’ashram Yoga Niketan a Pahalgam.

Questa esperienza lo segna profondamente sulla contraddizione dell’India: da una parte la povertà estrema dei bambini affamati, dall’altra la grandezza spirituale dell’insegnamento.

Di ritorno a Milano, Lakshmi lo accetta come “discepolo”, dopo una cerimonia di iniziazione. Durante questi anni vede confermarsi sempre di più il suo primo desiderio: conseguire un diploma per diventare insegnante di Hatha Yoga.

Nel 1987 si reca in Canada presso la scuola Sivananda di Yoga Vedanta e consegue l’abilitazione all’insegnamento.

Quando torna in Italia grande è la sorpresa insieme all’entusiasmo: Lakshmi gli lascia in eredità il centro yoga Raggio di Sole che lei dirigeva, sito in via Fontana, 11 Milano. Era il 1988.

In seguito, nel 2005, insieme alla moglie Annamaria Basilavecchia e ad altri soci si sposta in via Nino Bixio, 40 sempre a Milano. Fondano l’associazione culturale Raggio di Sole. Lo scopo è di promuovere la conoscenza del vasto mondo dello yoga integrandola con altre discipline occidentali orientate allo sviluppo del potenziale umano.

Il Maestro Antonio ha inoltre organizzato due corsi di formazione per insegnanti di Hatha Yoga, della durata di 3 anni ciascuno, formando circa 25 allievi.

La meditazione

Antonio, dopo aver lavorato per anni sul corpo fisico attraverso le asana dello Hatha Yoga e aver iniziato ad applicare i principi dello yama e niyama del Raja Yoga, iniza la sua esperienza di meditazione con il mestro Lakshmi.

In seguito è fondamentale per Antonio l’incontro con padre Cappelletto, gesuita e fondatore dell’ordine dei “Ricostruttori”. È forse il primo prete cattolico che propone delle pratiche yoga, come parte integrante degli esercizi spirituali cristiani. Era il 1985 da lui Antonio apprende la tecnica della “Meditazione trascendentale” che tutt’ora insegna durante le lezioni di Hatha Yoga.

Dopo aver letto “Autobiografia di uno yogi” di Paramahansa Yogananda ed esserne rimasto molto colpito, incontra Shankarananda Giri maestro discendente diretto della tradizione orale della linea Yogananda. Riceve l’iniziazione al Kryia Yoga e dopo anni il “permesso” di insegnarlo a chi ne facesse richiesta.

Oggi sono 15 anni che insegna gratuitamente al mattino della domenica a chiunque sia desideroso di apprendere.

Corsi insegnati

  • Hatha Yoga

Ogni lunedì, martedì e venerdì sera dalle 18:45 alle 20:15 con Antonio Falcone.
Tutti i mercoledì pomeriggio dalle 16:30 alle 18:00 con Antonio Falcone.
Ogni domenica mattina dalle 10:30 alle 12:00 con Antonio Falcone.

  • Meditazione – GRATUITO

È l’ultimo livello del percorso del Raja Yoga. Partendo dallo Hatha Yoga, yama e niyama, pranayama, concentrazione si arriva alla meditazione. La meditazione è come una scala misteriosa che si estende dal buio verso la luce, dall’irrequietezza alla pace interiore, dall’ignoranza averso la conoscenza. Meditare significa “non pensare a niente”, stando immobili, con la schiena eretta recitando un mantra per circa 30 minuti. Siccome la mente è costituita da un incessante fluire di pensieri, la recitazione interiore del mantra ci permette di entrare in nuovo stato di coscienza, vuoto dai pensieri e pieno di equilibrio e pace interiore.

Ogni domenica mattina dalle 08:30 alle 10:00 con Antonio Falcone.